The exhibition on the theatre boxes of La Scala curated by Pier Luigi Pizzi wants to describe the evolution of the Theatre’s audience, from its establishment to the postwar period, when the members of the high society were replaced by season ticket holders. It is a prestigious story that covers all the transformations of the Italian society in the last two centuries, proof that La Scala, with its elegant interiors and illustrious inhabitants, has always been a landmark, the center of culture and customs of our country.
A fundamental support for the exhibition’s itinerary will be an impressive database, that traces box by box a map of all the owners and guests of the Theatre from 1778 to 1920, year of the expropriation of the boxes. Here the history of the great Milanese families is retraced; the Trivulzios, the Littas, the Belgiojosos, the Viscontis, whose fortunes are intertwined with those of the patriots, such as Luigi Porro Lambertenghi, Federico Confalonieri and Silvio Pellico, in addition to great scholars, like Stendahl, Foscolo, Parini and Manzoni. This important historical research was a collaboration involving Teatro alla Scala, Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano and Biblioteca Nazionale Braidense.

La mostra sui palchi della Scala a cura di Pier Luigi Pizzi vuole raccontare l’evoluzione del pubblico del Teatro, dalla sua fondazione fino al dopoguerra, quando ai palchettisti si sostituirono gli abbonati. Si tratta di una storia prestigiosa che attraversa tutte le trasformazioni della società italiana degli ultimi due secoli, a conferma di quanto la Scala, con i suoi eleganti interni e i suoi abitanti illustri, sia sempre stata un punto di riferimento, il centro della cultura e del costume del nostro paese.
Supporto fondamentale per il percorso espositivo sarà un imponente database che traccia, palco per palco, la mappa di tutti i proprietari e degli ospiti del teatro dal 1778 al 1920, anno dell’esproprio. Qui si ripercorre la storia delle grandi famiglie milanesi, dai Trivulzio, ai Litta, ai Belgiojoso, ai Visconti, le cui vicende si intrecciano a quelle dei patrioti, come Luigi Porro Lambertenghi, Federico Confalonieri e Silvio Pellico, oltre ai grandi letterati da Stendhal a Foscolo, da Parini a Manzoni. Questa importante ricerca storica ha visto la collaborazione del Teatro alla Scala con il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano e la Biblioteca Nazionale Braidense.

 

Exhibition

Nei Palchi della Scala – Storie Milanesi 
mostra a cura di Pier Luigi Pizzi
8 novembre 2019 – 30 maggio 2020 
progetto fotografico di Giovanni Hänninen